Il 14 giugno segnerà l'inizio degli europei di calcio 2024, ospitati dalla Germania, e tra le tante nazionali pronte a competere troviamo la Slovenia, inserita nel Gruppo C insieme a Inghilterra, Danimarca e Serbia. Uno degli aspetti più affascinanti di questa nazionale, la notizia che più in assoluto sta facendo parlare proprio della Slovenia, è il ritorno di Josip Ilicic, convocato dal ct Matjaz Kek dopo quasi tre anni di assenza.

Josip Ilicic, un nome che evoca ricordi di partite emozionanti e prestazioni straordinarie, è stato incluso nella lista dei 30 preconvocati per Euro2024. Un’occasione importante e un momento significativo nella carriera del talentuoso attaccante sloveno, che non indossava la maglia della sua nazionale dal 14 novembre 2021, quando la Slovenia vinse contro Cipro a Lubiana. La convocazione di Ilicic rappresenta non solo un riconoscimento delle sue abilità calcistiche, ma anche una rinascita personale e professionale.

Dopo aver lasciato l'Atalanta nell'estate del 2022 a causa di problemi personali, Ilicic ha trovato una nuova casa nel Maribor, il club della sua patria. La sua partenza da Bergamo è stata un momento doloroso per i tifosi dell'Atalanta, che lo avevano visto brillare sotto la guida di Gian Piero Gasperini. Ilicic è stato uno dei protagonisti dell'ascesa dell'Atalanta di quegli anni, contribuendo significativamente ai successi della squadra con le sue intuizioni decisive e i suoi gol: il suo addio alla squadra è stato un momento sofferto ma inevitabile.

Dopo una prima stagione di adattamento al Maribor, dove ha collezionato 14 presenze e segnato soli 2 gol, Ilicic ha ritrovato la sua forma migliore nella stagione successiva. Con 9 reti e 12 assist, ha giocato un ruolo chiave nel portare il Maribor al secondo posto nel campionato sloveno. Questo ritorno alla forma è stato fondamentale per riconquistare un posto nella nazionale, dimostrando che il talento e la determinazione di Ilicic non sono mai scomparsi.

La Slovenia inizierà la preparazione finale per gli Europei il 29 maggio, con due amichevoli programmate contro Armenia (4 giugno) e Bulgaria (8 giugno). Questi test saranno cruciali per Matjaz Kek per valutare la forma dei suoi giocatori e decidere i 26 convocati definitivi. La presenza di Ilicic in questa fase di preparazione è un segnale positivo e indica che potrebbe giocare un ruolo importante nella campagna europea della Slovenia che, tuttavia, non risulta tra le favorite guardando le quotazioni Europei.

Essere inseriti in un girone con Inghilterra, Danimarca e Serbia rappresenta una sfida impegnativa per la Slovenia che si farà comunque forte della sua esperienza e della presenza di un giocatore del calibro di Ilicic. La sua creatività e la sua capacità di cambiare il corso di una partita con una sola giocata sono qualità rare e preziose, soprattutto in tornei di alto livello come gli Europei.

Per Ilicic, la convocazione agli Europei è più di un semplice ritorno in nazionale; è una possibilità di scrivere un nuovo capitolo nella sua carriera, forse uno dei più importanti. Dopo aver affrontato e superato momenti difficili, questa opportunità rappresenta una rinascita e un'occasione per dimostrare che è ancora capace di fare la differenza ai massimi livelli.

La storia di Josip ci ricorda che tornei come questo non sono solo una vetrina importante per il talento calcistico europeo, ma anche una piattaforma per storie di resilienza e rinascita.

La sua convocazione nella nazionale slovena è un segnale di speranza e una testimonianza del potere del calcio di dare nuove opportunità. Mentre la Slovenia si prepara ad affrontare sfide formidabili, i tifosi sloveni e gli appassionati di calcio possono guardare avanti con entusiasmo, sperando in un ritorno memorabile del loro eroe sul palcoscenico europeo, un ritorno in grado di dare una svolta inaspettata al percorso della nazionale slovena ad Euro2024.